Articoli_Prima

Pellegrinaggio a Fatima e Santiago de Compostela

Pellegrinaggio a Fatima e Santiago de Compostela guidato dal Vicario Generale,Mons. Salvatore Genchi dal 4 all’11 Agosto 2018

Quota di partecipazione € 1290.00.
8 giorni e 7 notti. Supplemento camera singola € 350.00
Per info:
Ufficio pellegrinaggi 095/2504332
e mail: ufficiopellegrinaggi@diocesi.catania.it

Programma:

1° giorno: Catania – Lisbona – Fatima Ritrovo dei partecipanti all’aeroporto designato, disbrigo delle formalità d’imbarco e partenza per Lisbona. Arrivo nella capitale portoghese, incontro con la guida e proseguimento per Fatima, sistemazione nelle camere riservate. Cena e pernottamento.

2° giorno: Fatima Pensione completa in hotel. Santa Messa. Mattinata dedicata alla Via Crucis a Los Valinhos (luogo delle Apparizioni dell’Angelo e della Vergine) e visita di Aljustrel (villaggio natale di Lucia, Francesco e Giacinta). Nel pomeriggio continuazione della visita del Santuario e della Chiesa della Santissima Trinità. Dopo cena recita del S. Rosario nella piccola Cappella e Fiaccolata.

3° giorno: Fatima – Porto - Santiago de Compostela Prima colazione in hotel e partenza per Porto, cittadina famosa per aver dato il suo nome al pregiato vino. Visita della città e pranzo. Nel pomeriggio proseguimento per Santiago de Compostela, arrivo in hotel, sistemazione nelle camere riservate. Cena e pernottamento.

4° giorno: Santiago de Compostela Pensione completa in hotel. Mattinata dedicata alla visita guidata dell’imponente Cattedrale dove si trova la Tomba dell’Apostolo Giacomo il Maggiore e della ridente cittadina. Pomeriggio visita al Monte do Gozo e tempo libero a disposizione. Cena e pernottamento in hotel.

5° giorno: Santiago de Compostela – Braga – Coimbra - Fatima Prima colazione in hotel e partenza per Braga, visita al Santuario del Bom Jesus. Pranzo lungo il percorso. Pomeriggio visita guidata di Coimbra e proseguimento per Fatima. Sistemazione nelle camere riservate dell’hotel. Cena e pernottamento.

6°giorno: Fatima Pensione completa in hotel. Mattinata dedicata alla S. Messa. Possibilità di visitare il Museo del Santuario, Luce e Pace. Pomeriggio libero.

7° giorno: Fatima – Batalha– Alcobaça– Nazarè Pensione completa in hotel. Santa Messa. Nel pomeriggio escursione al santuario di Batalha, al Monastero di Alcobaça ed al villaggio di Nazarè

8° giorno: Fatima – Lisbona – Catania Prima colazione in hotel e partenza per Lisbona. Giro panoramico della città: la Cattedrale, la Chiesa di S. Antonio, il Monastero dos Jeronimos la Torre di Belem. Trasferimento in aeroporto, disbrigo delle formalità d’imbarco e partenza con volo speciale per la Sicilia. Arrivo e fine dei ns. Servizi.

* La quota comprende: Voli speciali Catania – Lisbona e viceversa; Sistemazione in hotel 3 e 4 stelle (classificazione locale) in camera doppia; Pensione completa come da programma con acqua e vino ai pasti; Bus e guida/accompagnatore in lingua italiana per tutto l’itinerario; Spese gestione pratica 30 euro; Assicurazione medico e bagaglio;

La quota non comprende: Mance, facchinaggi, tutti gli ingressi, escursioni facoltative, extra di carattere personale; Quanto non espressamente menzionato alla voce “la quota comprende”.
Avvertenze: Gli orari dei voli e l’ordine delle visite del programma potrebbero subire variazioni. Si precisa che in tutti i ns. Tour potrebbero essere celebrate le S. Messe.

Ritiro di Quaresima del Settore Giovani e del Settore Adulti

RITIRO DI QUARESIMA 2018, SETTORE GIOVANI E SETTORE ADULTI INSIEME!
"Maestro, dove abiti? Venite e Vedrete." Gv 1, 39

Il Settore Giovani e il Settore Adulti diocesani sono lieti di invitarvi ad un momento di #Fede importante: il Ritiro di Quaresima.
Quest'anno ci ritroveremo a #Pedara presso la Basilica S. Caterina V. e M. dalle ore 9.00 di domenica 11 marzo, per vivere giovani e adulti insieme una mattinata di spiritualità in preparazione alla Santa Pasqua e lo faremo facendoci guidare dalle catechesi di don Francesco Abate per il Settore Giovani e don Salvatore Cubito per il Settore Adulti.
Come avrete modo di leggere nel programma, il ritiro si concluderà con la S. Messa celebrata all'interno della Basilica Santa Caterina Pedara.

"Il #discernimento diventa indispensabile quando si tratta della ricerca della propria vocazione. La #vocazione invece è una chiamata dall'Alto." (dal messaggio del Santo Padre #Francesco per la Giornata Mondiale della Gioventú)

Non mancate, vi aspettiamo!
#RitirodiQuaresima18 #ACatania

“Festa di San Giuseppe” dal tema “Lavoro & persona”

Si terrà il 18 marzo p.v. presso la Chiesa di S. Paolo di Gravina di Catania, la ormai consueta “Festa di San Giuseppe” dal tema “Lavoro & persona”, promossa dal Movimento Lavoratori di Azione Cattolica (MLAC), che nel suo cammino attuale, tra le altre iniziative (il Seminario di Studio nazionale ad inizio anno, la Progettazione sociale col relativo Concorso di Idee e Pastorale, la Veglia di San Giuseppe il I Maggio, il Campo nazionale in estate), propone nelle varie regioni d’Italia quest’occasione per parlare di lavoro, di una nuova cultura sociale del lavoro.
Occorre formare ad nuovo “umanesimo del lavoro”, dove l’uomo e non il profitto sia al centro. Il lavoro è per la persona e non la persona per il lavoro! L’economia serva all’uomo e non si serva dell’uomo!
Impegnati in un processo di discernimento dell’attuale situazione del mondo del lavoro, caratterizzato da una crisi profonda, vogliamo accompagnare la vita della persone a vivere quest’epoca di trasformazioni, partecipando alla vita economica e istituzionale al servizio delle persone.
Ci raccontiamo come MLAC e raccontano la loro esperienza di “lavoro buono” due persone di fede e di opere, il dott. Gaetano Giunta della Fondazione di Comunità “Horcynus Orca” e il dott. Guido Minà della Cooperativa Sociale “Le terre del Tau”.
a sfida è che il lavoro sia dignitoso, libero, partecipativo e solidale!

 

 

 

XV via Crucis del lavoratore

Anche quest'anno l'ufficio per i problemi sociali e lavoro organizza la XV via Crucis del lavoratore.
Venerdì 16 Marzo 2018 dalle ore 17:00 in Arcivescovado (secondo il programma allegato)
Alle ore 18:30, ci si sposterà in cattedrale per la Celebrazione della via Crucis di Gesù e del lavoratore.
Vi aspettiamo

“Protetto. Rifugiato a casa mia”: giunti a Catania cinque profughi eritrei

“Protetto. Rifugiato a casa mia”: giunti a Catania cinque profughi eritrei

CATANIA. È cominciata stamattina, giorno 28 febbraio, la seconda edizione di “Protetto. Rifugiato a casa mia” con l'arrivo a Catania di cinque profughi eritrei (due donne e tre bambini) provenienti da un campo profughi in Etiopia e atterrati a Roma martedì scorso, dove ad accoglierli, oltre alla delegazione di Caritas Italiana, c'erano Salvo Pappalardo, responsabile delle attività della Caritas Diocesana, e Valentina Calì, referente dell'Help Center.

Nel corso della mattinata gli operatori della Caritas Diocesana di Catania hanno condotto i cinque eritrei nell'appartamento che li ospiterà per l'intero periodo del progetto. In seguito a una prima fase di ambientamento e conoscenza, che vedrà il coinvolgimento dei diversi servizi della Caritas Diocesana, tra cui anche la rete sanitaria, si lavorerà per l'integrazione sociale e lavorativa nel tessuto cittadino, garantendo anche corsi di lingua di italiana. “Protetto. Rifugiato casa mia” muove dall'esigenza di concedere a queste persone la possibilità di costruirsi una vita dignitosa in Europa.

Il progetto, promosso da Caritas Italiana, è stato definito in seguito a un “protocollo tecnico” firmato dal Governo italiano, dalla Conferenza Episcopale Italiana e dalla Comunità di Sant'Egidio per consentire un corridoio umanitario tra l’Etiopia e l’Italia. È previsto l'ingresso legale in Italia di 500 tra eritrei, somali e sud-sudanesi, fuggiti dai loro Paesi per i conflitti in corso e bloccati nei campi profughi. L'ultimo arrivo del 27 febbraio, che fa seguito ai primi 25 profughi giunti lo scorso 30 novembre, include anche i cinque ospiti della comunità catanese e coinvolge complessivamente 114 profughi, originari di diversi Paesi del Corno d’Africa. Il Protocollo è stato finanziato con fondi CEI 8xmille.

Don Piero Galvano, direttore della Caritas Diocesana di Catania, ha sottolineato la necessità di questi atti nei confronti degli ultimi. «L' accoglienza è un segno cristiano: non possiamo chiudere il nostro cuore alle persone che hanno perso tutto e implorano aiuto».

Addetto stampa - Rosario Battiato (tessera n. 116269)
Contatti: 3477286619 - comunicazione@caritascatania.it

Giornata di preghiera e digiuno per la pace e contro ogni forma di violenza, lanciata da Papa Francesco

La Consulta diocesana delle aggregazioni laicali aderisce, il prossimo 23 febbraio, alla Giornata di preghiera e digiuno per la pace e contro ogni forma di violenza, lanciata da Papa Francesco in occasione dell’Angelus domenicale del 4 febbraio scorso. In particolare, in risposta all’appello del Papa, la Consulta invita la comunità ecclesiale a partecipare all’incontro di preghiera che si svolgerà con inizio alle ore 20 di venerdì 23 febbraio presso la Basilica Collegiata di Catania.
L’iniziativa del Papa si rivolge in modo speciale alle popolazioni della Repubblica Democratica del Congo e del Sud Sudan, senza dimenticare tutte le situazioni di conflitto in ogni parte del mondo.

Pagine