Articoli_Prima

Rapporto Caritas-Migrantes

Rapporto Caritas-Migrantes: a Catania crescono gli stranieri residenti
La provincia etnea è la prima di Sicilia per presenze. Numeri e
riflessioni per “aprire lo sguardo” nel corso della presentazione del
dossier sabato prossimo al Museo Diocesano

CATANIA. Continuano a crescere, seppur meno degli altri anni, gli
stranieri residenti in Sicilia e a Catania mentre si complicano le vite
di coloro che devono rinnovare i documenti di soggiorno e degli ultimi
arrivati che, in seguito ai recenti provvedimenti nazionali in materia
di immigrazione, rischiano di finire intrappolati nei circuiti
dell'irregolarità. Per fornire i numeri sulla presenza straniera in
Sicilia e a Catania e per “aprire lo sguardo” sulle esistenze di queste
persone, il prossimo sabato, giorno 26 ottobre, alle ore 09.00, presso
il Museo Diocesano cittadino, Via Etnea, n.8, ci sarà la presentazione
del “XXVIII Rapporto immigrazione 2018-2019 - Non si tratta solo di
migranti”, redatto da Caritas Italiana e Fondazione Migrantes. Il titolo
di quest'anno è ispirato al Messaggio di Papa Francesco per la 105a
Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato. All'evento saranno
presenti, per i saluti istituzionali, Mons. Salvatore Genchi, Vicario
Generale Arcidiocesi di Catania, Don Piero Galvano, direttore della
Caritas Diocesana di Catania, e il Diac. Giuseppe Cannizzo, direttore
Migrantes di Catania. Dopo l'intervento introduttivo di Padre Gianni Di
Gennaro, del Centro Astalli, ci sarà la relazione di Vincenzo La Monica,
responsabile Immigrazione e Osservatorio delle povertà di Caritas
Ragusa. L'evento è gratuito e aperto a tutti.

Un fenomeno complesso, quello migratorio, che quotidianamente deve
confrontarsi con l'aggressività delle fake news e con l'appetito feroce
di una comunicazione semplicistica e fuorviante che spinge il
pregiudizio fino alle sue estreme conseguenze. In vista del convegno,
quando verranno svelati tutti i numeri ufficiali in materia, le prime
anticipazioni registrano che la provincia di Catania è la prima
siciliana per numero di stranieri residenti presenti con 37.591 unità,
il 3,4% della popolazione. La seconda provincia è quella di Palermo, con
37.092, seguono Ragusa (29.758) e Messina (29.627). Nel solo Comune di
Catania, nel corso del 2018, i residenti stranieri sono 13.977, circa
400 in più rispetto all'anno precedente. Una crescita inferiore rispetto
alle 562 unità di scarto che si erano registrate tra il 2016 e il 2017.
Nel corso del 2018, le componenti straniere maggiormente consolidate in
città, anche perché compongono comunità ormai ben integrate nel tessuto
urbano, sono quelle dello Sri Lanka, 2.629 cittadini (un centinaio in
più rispetto al 2017), della Romania, 2.269 (in crescita di circa mezzo
migliaio), e della Cina, con poco più di un migliaio, che risultano in
contrazione di qualche decina. A livello regionale, stando
all'elaborazione contenuta nel dossier, a fronte di poco più di 200 mila
stranieri residenti (il 4% del totale della popolazione residente), il
paese di provenienza più rappresentato è la Romania, con 58.480
cittadini, circa un quarto del totale degli stranieri residenti in
Sicilia, seguito dalla Tunisia (20.839), dal Marocco (15.457), dallo Sri
Lanka (13.691) e dal Bangladesh (9.063).

GIORNATA DELLA SANTIFICAZIONE UNIVERSALE 2019

L’AMORE È RIVOLUZIONE TUTTI SANTI, TUTTI FRATELLI

Il Movimento Pro Sanctitate promuove come ogni anno la Giornata della Santificazione Universale. Il tema per il 2019 è: L’amore è rivoluzione. Tutti santi tutti fratelli.
In un mondo che considera gli altri rivali e non fratelli, che lotta per il potere, in cui si delineano confini di ogni genere e non ponti, come sogna Papa Francesco, arriva questo slogan che per ogni cristiano dovrebbe diventare impegno di vita: l’amore è rivoluzione (è anche il titolo di un libro di Guglielmo Giaquinta, fondatore del Movimento Pro Sanctitate) come a sottolineare che l’unica rivoluzione possibile e fruttuosa è l’amore, perché solo l’amore cambia i cuori, abbatte le barriere, invita al bene e lotta positivamente per una civiltà fraterna. Tutti santi tutti fratelli. “Questa è la volontà di Dio, la vostra santificazione” (1Tes 4,3). “Amatevi gli uni gli altri” (Gv 15,12): è Parola di Dio che indica cammino, fatica, gioia, meta. L’amore è rivoluzione, come a voler dire ricominciamo a servire, a perdonare, a fare gesti di tenerezza, ad essere miti, a gioire per le piccole cose, a lasciarci appassionare dal Vangelo. Ci ritroveremo mercoledì 6 novembre nella Chiesa della Badia di Sant’Agata alle ore 20.00 , per una Veglia di preghiera presieduta dal nostro Arcivescovo, S. Ecc. Mons. Salvatore Gristina.
Occasione da vivere, come Chiesa diocesana, per pregare in comunione per il dono della santità, come meta che riguarda tutti da vicino e diventa via di trasformazione delle relazioni umane.
Siamo tutti invitati a partecipare e soprattutto a pregare perché l’amore sia l’unica rivoluzione che ogni uomo, ogni nazione, ogni credo religioso possa e voglia realizzare.

Per il Movimento Pro Sanctitate

Info: catania@movimentoprosanctitate.org
Pro Sanctitate Sicilia—www.movimentoprosanctitate.orgwww.diocesi.catania.it

Servizio di Accompagnamento alla Genitorialità

Carissimi fratelli e sorelle in Cristo,

spesso, senza rendercene conto, la nostra mente e il nostro cuore sono abitati da generalizzazioni e luoghi comuni di pensare che toccano anche il delicato e fondamentale ruolo educativo dei genitori nei confronti dei figli: “Quando saranno grandi saranno loro a scegliere, anche per quanto riguarda la fede!”. Questa è una bugia perché tutti, per poter fare una scelta quando si è grandi, hanno bisogno di punti fermi appresi da piccoli durante il tempo della crescita e dell’educazione familiare. Inoltre, quando i genitori non danno il loro contributo educativo e formativo ai figli, non si possono illudere che essi restino come pagine bianche e immacolate dove nessuno scarabocchia nulla. Allora, la Chiesa sia nel rito del Matrimonio che in quello del Battesimo, professa la sua fede nel ruolo indelegabile ed insostituibile dei genitori nel trasmettere e narrare nel quotidiano della vita l’esperienza viva e concreta della fede. Per tale ragione, il Servizio di Accompagnamento alla Genitorialità dell’Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia propone il presente programma che trovate in allegato, per offrire a tutti un contributo sapiente ed intelligente perché i genitori possano consapevolmente e concretamente riprendere tra le mani una responsabilità che è a loro propria.

Per ulteriori informazioni rivolgersi a Mariella Chiantello e Giuseppe Magrì 368 3847952 m.chiantello@alice.it.

 

un abbraccio in Cristo

Equipe del Servizio di Accompagnamento alla Genitorialità dell’UPF

Adorazioni eucaristiche vocazionali - Itinerario vocazionale di base 2019/2020

Adorazioni eucaristiche vocazionali - Itinerario vocazionale di base 2019/2020

VIVETE! DATEVI AL MEGLIO DELLA VITA!

Sarà questo il tema che guiderà il nostro percorso attraverso l’icona biblica dell’apparizione di Gesù Risorto a Maria di Magdala presso il sepolcro vuoto (Gv 20,1.11-18).

Le adorazioni eucaristiche vocazionali si terranno ogni secondo giovedì del mese (ad eccezione della 1° tappa) in Seminario (ingresso da via Braille, 26) alle ore 21.

1° Tappa  24 Ottobre '19: LA RICERCA

2° Tappa 14 Novembre '19: L’INCONTRO

3 Tappa 9 Gennaio '20: LA CHIAMATA

4° Tappa 13 Febbraio '20: IL DONO

5° Tappa12 Marzo '20: L’ANNUNCIO

L'itinerario si concluderà con una giornata di ritiro che vivremo domenica 3 maggio '20 in occasione della Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni.

In allegato lettera per

i rev.di Presbiteri e Diaconi,
gli Istituti di Vita consacrata,
le Società di Vita apostolica e agli Istituti Secolari dell’Arcidiocesi,
i membri del Consiglio Pastorale Diocesano,
i membri della Consulta diocesana delle aggregazioni laicali.

 

Consulta Diocesana delle Aggregazioni Laicali

La Consulta Diocesana delle Aggregazioni Laicali riprende formalmente le proprie attività giorno 23 ottobre alle ore 18.30 con l'Assemblea di apertura che si svolgerà presso il Salone dei Vescovi in Arcivescovado. Presiederà mons. Salvatore Gristina. Dopo l'introduzione della Segretaria CDAL Febronia Lamicela, il tema scelto "Sacerdozio battesimale e Sacerdozio ministeriale: insieme per rendere Cristo il cuore del mondo" sarà sviluppato da don Antonino De Maria, Delegato arcivescovile per la CDAL. 
La Consulta si prepara così a  vivere, in comunione con le associazioni e i movimenti che la impreziosiscono, gli appuntamenti individuati dalla Segreteria per il nuovo anno pastorale.

Il primo sarà la Veglia di preghiera per la 3' Giornata mondiale dei poveri fissata per il 16 novembre prossimo.

Pagine