Articoli_Prima

“Affettività e sessualità nella disabilità: tra etica, scienza e diritti”

Fondazione ODA OPERA DIOCESANA ASSISTENZA

(Ente Morale Decreto Arcivescovile 07-03-1962 * D.P.R. 24-04-1963 n.809 * Reg. Pers. Giuridiche n. 95 Prefettura di Catania)

Partita I.V.A. e Codice Fiscale 00527020879

“Affettività e sessualità nella disabilità: tra etica, scienza e diritti”

Sabato 2 dicembre 2017

Sala convegni, Blocco 2 - Presidio riabilitativo ODA “F.lli A. e V. Pecorino Paternò” Via S. Nullo, 24 - Catania 9:00 – 13:00

In occasione della Giornata internazionale della disabilità, che si celebra domenica 3 dicembre, la Fondazione ODA di Catania organizza un seminario multidisciplinare per affrontare un argomento ancora ostaggio di tabù. Catania, 29 novembre 2017 – Esiste il diritto alla sessualità di una persona con disabilità? Esiste eccome, ed è paradossale che ancora si intenda il disabile quale individuo asessuato, eterno bambino privo (in quanto privato dalla disabilità) di una dimensione umana completa e sfaccettata, che possa contemplare non solo pulsioni ma sentimenti, bisogno di affettività e intimità. Una banalizzazione culturale, che non ha basi scientifiche e che confligge con la visione olistica del disabile, cui le più moderne metodologie riabilitative tendono piuttosto ad assicurare condizioni globali di benessere e non più semplici interventi di tipo assistenziale.

Per scardinare la cortina di silenzio e ipocrisia che circonda questo argomento occorre promuovere il dibattito. Farlo però non è semplice: riconoscere l’esistenza di una dimensione affettiva e sessuale nella disabilità significa prima di tutto fare i conti con il disagio che il tema crea non solo tra gli operatori e le famiglie ma anche nell’opinione pubblica. Ecco perché l’Opera Diocesana Assistenza di Catania sente di dover offrire il proprio contributo, forte di quasi sessant’anni di esperienza nel campo dell’assistenza e della riabilitazione, e lo farà sabato 2 dicembre con il seminario “Affettività e sessualità nella disabilità”, che si terrà nel salone delle riunioni del Presidio di riabilitazione ODA “Fratelli A. e V. Pecorino Paternò” a partire dalle ore 9:00.

La data non è casuale: il 3 dicembre si celebra infatti la Giornata internazionale della disabilità, occasione privilegiata per creare un momento di confronto e dialogo su un tema così complesso e delicato, partendo da un approccio rigoroso e multidisciplinare. Obiettivo: sgombrare il campo dagli equivoci e dagli stereotipi, tenendo conto della specificità che ogni diversa forma di disabilità (psichica, motoria, fisica, sensoriale, congenita e non) porta in dote. Un dibattito a più voci, quello che la Fondazione ODA di Catania intende promuovere e lo fa da un punto di osservazione privilegiato: i suoi quattro Centri di riabilitazione, i luoghi in cui materialmente ogni giorno medici, educatori, operatori, terapisti, psicologi e infermieri si confrontano con la questione, avendo anche il delicato compito di dialogare con le famiglie. Le Strutture saranno rappresentate dai rispettivi Direttori medici responsabili: Gabriella Bonaccorsi, neuropsichiatra infantile; Antonella Ignoto, neurologa; Grazia Trovato, neuropsichiatra infantile; Giusi Romeo, neuropsichiatra infantile. Al seminario interverrà anche l’Asp 3 di Catania, rappresentata da Marco Ciriacono, neurologo, fisiatra e direttore U.O.C. Handicap, e da Maria Concetta Cannella, psicologa e direttrice U.O.C. Servizi di Psicologia. Focus anche su affettività e sessualità nell’autismo, che saranno al centro dell’intervento di Domenico Mazzone, neuropsichiatra infantile, già docente di Neuropsichiatria infantile alla Facoltà di Medicina dell’Università di Catania e direttore della Scuola di specializzazione. Spazio poi ai “protagonisti”: famiglie e disabili stessi daranno voce alle storie di solitudine e disagio di chi si trova a dover fare i conti con i bisogni individuali e dei propri cari, in un contesto sociale ancora assai impreparato a riconoscere piena dignità al patrimonio emotivo dei disabili. In questo senso, si pronunceranno Rosi Marino, presidente dell’associazione Geshan – Genitori soggetti handicappati, e Salvo Mirabella, presidente dell’associazione “Come Ginestre”. Il seminario sarà introdotto da S.E.R. Mons. Salvatore Gristina, Arcivescovo metropolita di Catania, e moderato da Padre Antonino Sapuppo, docente di Teologia morale e bioetica allo Studio teologico San Paolo di Catania.

Ricerca cantori

La Cappella Musicale del Duomo di Catania necessita di nuovi cantori, per potenziare il suo organico e per svolgere il suo servizio di animazione delle celebrazioni liturgiche in Cattedrale.
Per questo facciamo appello a uomini e donne di buona volontà, che accolgano con gioia questo invito, e condividano con noi questa esperienza di servizio.
Tutti i lunedì e giovedì dalle ore 20.00 alle 22.00 presso i locali della Basilica Cattedrale.

Il Maestro di Cappella
can. Giuseppe Maieli

weekend dal 10 al 12 novembre a. c. per le coppie in crisi

Carissimi, l’Associazione RETROUVAILLE in collaborazione con la CEI organizza a Catania  presso l’Istituto delle Suore Domenicane del Sacro Cuore in Via San Nullo 46 un weekend dal 10 al 12 novembre a. c. per le coppie in crisi per aiutarle a ricostruire la loro relazione di amore. Per potersi iscrivere la coppia stessa deve andare al sito www.retrouvaille.it e lì troverà tutte le informazioni necessarie. Tale weekend è pure indirizzato ai sacerdoti che vivranno da ascoltatori con le coppie questa esperienza, e potrà essere per loro un’occasione preziosa di formazione nell’accompagnamento delle coppie in crisi. Anche i sacerdoti potranno iscriversi seguendo le informazioni sul medesimo sito. Nella speranza che possiate accogliere l’occasione favorevole di avere una proposta così importante ai giorni nostri nel territorio della nostra Chiesa di Catania, auspichiamo una risposta abbondante sia da parte delle coppie in crisi che dai sacerdoti.

 

un abbraccio in Cristo

don Salvatore Bucolo, Rosetta e Giorgio Amantia e l’Equipe dell’UPF

 

In allegato la locandina

 

Pagine