Articolo in prima

Convegno Catechistico Diocesano 24 / 25 giugno 2016

Ufficio Catechistico - Ufficio per la Pastorale della Famiglia

Carissimi  tutti,
l’annuale appuntamento del Convegno Catechistico Diocesano, che dallo scorso anno vede la collaborazione dell’Ufficio Catechistico e dell’Ufficio per la Pastorale della Famiglia, sarà celebrato il 24 e il 25 giugno c.a.

Insieme all’Arcivescovo e ai Vicari Foranei abbiamo pensato di anticipare il Convegno a questa data, per dare la possibilità alle nostre comunità di programmare il nuovo anno catechistico a partire dalle indicazioni proposte durante i due giorni di studio. In continuità con l’argomento trattato lo scorso anno, vorremmo riflettere su questo tema: GENITORI e FIGLI e PARROCCHIA: una relazione tra famiglia e comunità durante il tempo dell’iniziazione cristiana (cfr. IG 59-60).
Dopo il convegno dello scorso anno, desideriamo tentare di dare una risposta concreta alle domanda che continuamente ci poniamo, perché le nostre comunità possano divenire oasi di accoglienza e di misericordia per tutti i genitori, qualunque situazioni essi vivano:

  • cosa possiamo proporre ai genitori?
  • Come si prepara un incontro per i genitori? Quali contenuti, metodi e strategie?
  • Cosa dobbiamo fare in concreto?

Non esiste una risposta esatta e neppure una ricetta che vada bene dovunque; tuttavia vorremmo tentare di offrire strumenti concreti per progettare gli itinerari per e con i genitori.
Un cambio di prospettiva che crediamo essere fondamentale e su cui vorremmo ulteriormente lavorare, è quella di passare dalla catechesi offerta ai genitori ad itinerari con i genitori e i figli; da una parrocchia che propone dall’alto, ad una comunità costituita, per quello che è possibile, dai genitori, dai figli, e dai catechisti-accompagnatori che insieme scelgono il percorso da intraprendere.

Il relatore del Convegno sarà don Giorgio Bezze, direttore UCD di Padova e collaboratore dell’UCN. 

Il convegno si terrà presso il Santuario della Madonna della sciara di Mompileri

con il seguente calendario:

Venerdì 24 giugno

  • ore 9,30: incontro dedicato ai presbiteri e ai diaconi;
  • ore 15,30 accoglienza e iscrizione;
  • ore 16,30 preghiera e inizio dei lavori che si concluderanno alle 19,30.

Sabato 25 giugno

  • ore 16,30: accoglienza;
  • ore 17.00: preghiera e inizio dei lavori che si concluderanno alle 19,30 con il mandato ai catechisti conferito dall’Arcivescovo.  
  •  

Iscrizioni:
Iscrizione ON LINE (clicca su questa riga, accederai direttamente al modello di iscrizione)

Coloro che desiderano contribuire alle spese del convegno, potranno farlo al momento del ritiro della carpetta.  
Nell’attesa di incontrarci al Convegno, vi salutiamo tutti cordialmente nel Signore.
    
sac. Gaetano Sciuto e l’equipe dell’UCD
sac. Salvo Bucolo, Rosetta e Giorgio Amantia e l’equipe UPF. 

Giornata internazionale dei rom, sinti e camminanti

UFFICIO PER LA PASTORALE DELLE MIGRAZIONI

Rom e sinti, un popolo nel cuore
della Chiesa

In tutto il mondo l’8 aprile 2021 si celebra la Giornata internazionale dei rom, sinti e
camminanti (Romano Dives) .
Per sensibilizzare questa Giornata e per ricordare il santo patrono della popolazione
rom: il beato Zefirino Giménez Malla, terziario francescano, fucilato nel 1936 durante
la Guerra civile spagnola e gettato in una fossa comune per aver difeso un sacerdote
cattolico e il suo Rosario, si svolgerà giovedì 8 aprile 2021 alle ore 18,00, presso la
parrocchia della Divina Maternità della B.M.V. in Cibali, la celebrazione eucaristica
che sarà presieduta dal parroco Sac. Gianluca Giacona.
La Giornata internazionale fu Istituita per ricordare il primo congresso mondiale del
popolo Rom che si tenne a Londra l’8 aprile 1971, occasione nella quale si adottò
ufficialmente la denominazione rom (uomo) per indicare la nazione romanì, che
comprende i popoli Manouches, Kalderash, Lovara, Romanìchéls, Vlax, Domari,
Nawar, Làutari e tanti altri.
In quell’occasione si realizzò la Romani Union, la prima associazione mondiale dei
rom, ove fu scelta la bandiera con la ruota rossa in campo azzurro e verde e come
inno la canzone “Djelem Djelem” (Camminando camminando).
Nel mondo le persone Rom sono circa 36 milioni e in Europa quasi 12 milioni. In
Italia sono almeno 170 mila. Quello dei rom è un popolo senza terra, con un passato
segnato da discriminazioni , pregiudizi e persecuzioni, specialmente la terribile
persecuzione durante il secondo conflitto mondiale. Ma è anche una storia ricca di
sfide legate all’integrazione e all’evangelizzazione. La sopra citata Giornata
rappresenta un’occasione per ricordare la minoranza etnica di questo popolo,
composto da uomini, donne e bambini spesso volutamente ignorati.
La Chiesa attraverso la Commissione delle conferenze episcopali della Comunità
Europea (COMECE) ha esortato i leader dell’Unione Europea ad adottare, per il post
2020, un quadro legislativo per le strategie nazionali di integrazione dei rom e a
rilanciare l’impegno delle istituzioni europee per rafforzare la loro inclusione”.
Il primo Pontefice ad incontrare il popolo rom è stato San Paolo VI il 26 settembre del
1965, “Voi siete nel cuore della Chiesa – ha detto in quell’occasione Papa Montini -
perché siete soli: nessuno è solo nella Chiesa; siete nel cuore della Chiesa, perché
siete poveri e bisognosi di assistenza, di istruzione, di aiuto; la Chiesa ama i poveri, i
sofferenti, i piccoli, i diseredati, gli abbandonati”.

Diacono don Giuseppe Cannizzo

AVVISO AI SACERDOTI ritiro modelli PO1/2021

Arcidiocesi di Catania

AVVISO AI SACERDOTI

Anche per quest’anno i modelli PO1/2021 dovranno essere ritirati
direttamente all’IDSC previo appuntamento, al fine di evitare lunghe attese o
assembramenti.
Tutti i sacerdoti, pertanto, sono invitati a contattare gli uffici dell’IDSC al
numero 095.320336 - 095.2504311 (centralino Curia).
Si ricorda infine che la consegna dei Mod. PO1 è un obbligo di legge per
garantire il giusto e dignitoso sostentamento al Clero che opera in ogni
diocesi.

Il Vicario Generale
Mons. Salvatore Genchi

Giornata dei missionari martiri 2021

Ufficio diocesano per l’animazione missionaria

Arcidiocesi di Catania

Ufficio diocesano per l’animazione missionaria

 

A tutta la comunità diocesana.

 

Cari fratelli e sorelle,

si avvicina il 24 marzo, giorno in cui celebriamo i missionari martiri, che in questi ultimi anni sono aumentati non di poco.

Si tratta di membri di istituti missionari, ma anche di altri istituti o di sacerdoti, religiosi e laici che hanno deciso di dare almeno un tempo della propria vita alla missione in senso stretto.

Ricordarli significa ricordare a noi stessi che in forza del nostro Battesimo siamo tutti missionari, e che dobbiamo esserlo fino a dare la vita per la causa di Cristo.

Avremmo voluto, come negli anni passati, celebrare anche quest’anno la Veglia a livello diocesano, ma la pandemia e la vicinanza alla Pasqua ci hanno distolti.

La vicinanza alla Pasqua è un’occasione in più però per celebrarla a livello parrocchiale, anche come preparazione al Sacrificio per eccellenza di Cristo Signore.

A questo scopo vogliamo mettere a vostra disposizione del materiale tra cui la Veglia preparata dall’ufficio nazionale.

 

Ecco a voi il sito dove trovare tutto il materiale necessario:

https://www.missioitalia.it/giornata-dei-missionari-martiri-2021/

 

Giornata dei missionari martiri 2021

Materiale per l’animazione missionaria

Per celebrare la ventinovesima Giornata di preghiera e digiuno in memoria dei missionari martiri abbiamo scelto lo slogan “Vite intrecciate”.

Il missionario martire è tessitore di fraternità: la sua vita si intreccia con quella dei popoli e delle culture che serve e incontra. L’umanità intera intreccia la propria esistenza con quella di Cristo, riscoprendosi così tralci della stessa vite.

Di seguito sono riportati: l’introduzione alla Giornata, l’approfondimento al tema e il materiale di animazione.

Video-testimonianze sul tema del martirio e l’impegno degli operatori pastorali nel mondo

https://vimeopro.com/user123250566/vite-intrecciate

Schede didattiche di approfondimento ai video ed interviste correlate

https://cloud.3dissue.com/189991/190438/222409/schede-didattiche-GMM2021...

Webinar 21 e 24 marzo: vite intrecciate in Brasile ed Etiopia

https://www.missioitalia.it/webinar-21-e-24-marzo-vite-intrecciate-in-br...

 Manifesto Martiri 2021

https://www.missioitalia.it/wp-content/uploads/2020/12/Manifesto-Martiri...

 Introduzione

https://www.missioitalia.it/wp-content/uploads/2020/12/Introduzione.pdf

 Riflessione tematica

https://www.missioitalia.it/wp-content/uploads/2020/12/Riflessione-temat...

 Veglia di preghiera

https://www.missioitalia.it/wp-content/uploads/2020/12/Veglia-di-preghie...

 Martirologio 2020_Dossier Agenzia Fides

https://www.missioitalia.it/wp-content/uploads/2020/12/Dossier_Fides_Mis...

 Missionari uccisi nel 2020_PowerPoint

 Progetto di solidarietà

https://www.missioitalia.it/wp-content/uploads/2020/12/Progetto-di-solid...

 Adorazione Eucaristica 2021

https://www.missioitalia.it/wp-content/uploads/2020/12/Adorazione-Eucari...

 Via Crucis

https://www.missioitalia.it/wp-content/uploads/2020/12/Via-Crucis-2021.pdf

 Commenti ai Vangeli delle domeniche di Quaresima

https://www.missioitalia.it/wp-content/uploads/2020/12/Commenti-ai-Vange...

 Cineforum Martiri 2021

https://www.missioitalia.it/wp-content/uploads/2020/12/Cineforum-Martiri...

 L'Animatore missionario_01_2021

https://www.missioitalia.it/wp-content/uploads/2020/12/LAnimatore-missionario_01_2021.pdf

A tutti auguriamo una serena e santa Pasqua.

Sac. Deodato Mammana

 

Assemblea ordinaria di Quaresima: riflessione sul tema “L’educazione alla cura nasce nella famiglia”

Consulta delle Aggregazioni laicali - Ufficio diocesano per la pastorale della famiglia

La Consulta delle Aggregazioni laicali, in stretta e naturale collaborazione con l’Ufficio diocesano per la pastorale della famiglia si incontrerà  in videoconferenza il 9 marzo prossimo per l’Assemblea ordinaria di Quaresima.

Sarà P. Antonio Sapuppo, nuovo Direttore dell’Istituto teologico S. Paolo, a condurre la riflessione sul tema “L’educazione alla cura nasce nella famiglia”.

In molti suoi interventi e scritti Papa Francesco insiste sulla necessità di costruire una società umana nella quale ci si prenda cura gli uni degli altri, dei più fragili, del Creato. E se il modello della cura è Dio Creatore, è la famiglia il luogo nel quale nasce l’educazione alla cura. Questa importantissima missione viene sottolineata in particolare in questo 2021, anno nel quale la Chiesa celebra cinque anni dalla pubblicazione dell’esortazione apostolica Amoris Laetitia sulla bellezza e la gioia dell’amore familiare. Il 19 marzo prossimo, Solennità di S. Giuseppe, Papa Francesco inaugurerà l’Anno “Famiglia Amoris Laetitia”, che si concluderà il 26 giugno 2022 in occasione del X Incontro Mondiale delle Famiglie a Roma.

Pagine

Subscribe to RSS - Articolo in prima