Articolo in prima

Convegno Catechistico Diocesano 24 / 25 giugno 2016

Ufficio Catechistico - Ufficio per la Pastorale della Famiglia

Carissimi  tutti,
l’annuale appuntamento del Convegno Catechistico Diocesano, che dallo scorso anno vede la collaborazione dell’Ufficio Catechistico e dell’Ufficio per la Pastorale della Famiglia, sarà celebrato il 24 e il 25 giugno c.a.

Insieme all’Arcivescovo e ai Vicari Foranei abbiamo pensato di anticipare il Convegno a questa data, per dare la possibilità alle nostre comunità di programmare il nuovo anno catechistico a partire dalle indicazioni proposte durante i due giorni di studio. In continuità con l’argomento trattato lo scorso anno, vorremmo riflettere su questo tema: GENITORI e FIGLI e PARROCCHIA: una relazione tra famiglia e comunità durante il tempo dell’iniziazione cristiana (cfr. IG 59-60).
Dopo il convegno dello scorso anno, desideriamo tentare di dare una risposta concreta alle domanda che continuamente ci poniamo, perché le nostre comunità possano divenire oasi di accoglienza e di misericordia per tutti i genitori, qualunque situazioni essi vivano:

  • cosa possiamo proporre ai genitori?
  • Come si prepara un incontro per i genitori? Quali contenuti, metodi e strategie?
  • Cosa dobbiamo fare in concreto?

Non esiste una risposta esatta e neppure una ricetta che vada bene dovunque; tuttavia vorremmo tentare di offrire strumenti concreti per progettare gli itinerari per e con i genitori.
Un cambio di prospettiva che crediamo essere fondamentale e su cui vorremmo ulteriormente lavorare, è quella di passare dalla catechesi offerta ai genitori ad itinerari con i genitori e i figli; da una parrocchia che propone dall’alto, ad una comunità costituita, per quello che è possibile, dai genitori, dai figli, e dai catechisti-accompagnatori che insieme scelgono il percorso da intraprendere.

Il relatore del Convegno sarà don Giorgio Bezze, direttore UCD di Padova e collaboratore dell’UCN. 

Il convegno si terrà presso il Santuario della Madonna della sciara di Mompileri

con il seguente calendario:

Venerdì 24 giugno

  • ore 9,30: incontro dedicato ai presbiteri e ai diaconi;
  • ore 15,30 accoglienza e iscrizione;
  • ore 16,30 preghiera e inizio dei lavori che si concluderanno alle 19,30.

Sabato 25 giugno

  • ore 16,30: accoglienza;
  • ore 17.00: preghiera e inizio dei lavori che si concluderanno alle 19,30 con il mandato ai catechisti conferito dall’Arcivescovo.  
  •  

Iscrizioni:
Iscrizione ON LINE (clicca su questa riga, accederai direttamente al modello di iscrizione)

Coloro che desiderano contribuire alle spese del convegno, potranno farlo al momento del ritiro della carpetta.  
Nell’attesa di incontrarci al Convegno, vi salutiamo tutti cordialmente nel Signore.
    
sac. Gaetano Sciuto e l’equipe dell’UCD
sac. Salvo Bucolo, Rosetta e Giorgio Amantia e l’equipe UPF. 

CONFERENZA EPISCOPALE SICILIANA: COMUNICATO FINALE PRIMAVERA 2018

CONFERENZA EPISCOPALE SICILIANA

Svoltosi da lunedì 16 a mercoledì 18 aprile 2018 a Piazza Armerina

Presieduta da mons. Salvatore Gristina, si è svolta a Piazza Armerina (16 - 18 aprile 2018), su invito del vescovo mons. Rosario Gisana in occasione del Bicentenario della istituzione della Diocesi, presso il Seminario estivo, “Terre di Montagna Gebbia”, la Sessione primaverile della Conferenza Episcopale Siciliana. In apertura dei lavori, i vescovi hanno accolto mons. Giuseppe Marciante, nuovo vescovo di Cefalù, augurandogli un ministero episcopale fecondo nella sua Chiesa e nella pastorale regionale delle Chiese di Sicilia. Durante la Sessione di lavoro anche l'incontro dei presuli con i Direttori degli Uffici regionali. In allegato il comunicato finale. [01]

 

 

La Caritas Diocesana attiva l'Osservatorio delle Povertà e delle Risorse

Caritas Diocesana di Catania

CATANIA. La Caritas Diocesana di Catania si è dotata dell'Osservatorio delle Povertà e delle Risorse che, a partire dal marzo del 2019, offrirà annualmente alla Città i dati registrati dall'organismo pastorale in merito alle situazioni di povertà e di fragilità sociale del territorio, nonché il sistema di risposte messo in atto per contrastarle. La presentazione dei risultati dell'Osservatorio costituirà anche l'occasione per una riflessione condivisa sulle problematiche evidenziate.
 
L'Osservatorio, che ha come referente la dottoressa Carmela Impeduglia, nasce come strumento della Caritas Diocesana per aiutare la comunità cristiana a osservare le povertà presenti nel territorio e le loro dinamiche di sviluppo, stimolando su questi temi l'attenzione dell'opinione pubblica, delle altre associazioni operanti sul territorio e delle Istituzioni cittadine. Un impegno, inoltre, che fornirà il quadro delle attività svolte dalla Caritas Diocesana nel corso dell'anno, come già avviene separatamente per alcuni servizi quali il microcredito.
 
Il gruppo di lavoro dell'Osservatorio è già all'opera per aggiornare il sistema di raccolta dei dati, garantendo il pieno rispetto della legge sulla privacy che tutela gli assistiti, e per organizzare le modalità di presentazione alla comunità locale. Un'occasione determinante per fornire luoghi e tempi di confronto necessari ad una carità innovativa in cammino che si fa occasione per incarnare la Parola. Questi incontri saranno orientati a far conoscere la valenza missionaria della Chiesa in una società che «ci interpella tutti quotidianamente – ha messo in risalto Carmela Impeduglia – sulla dignità di ogni essere umano come diritto esigibile». In questi momenti si promuoverà la cultura della collaborazione e si favorirà l'assunzione di responsabilità personale e comunitaria. 
 
Don Piero Galvano, direttore della Caritas Diocesana, ha sottolineato l'importanza di questo strumento, determinante anche per conoscere l'impegno quotidiano dell'organismo pastorale nei confronti dei soggetti più deboli. In tal senso ha esortato la cittadinanza a collaborare: «I poveri non hanno nulla da firmare. Io firmo per i poveri. Grazie per la tua firma a servizio dei poveri». È  possibile contribuire al sostentamento delle Opere-segno, che ogni anno alleviano le sofferenze di tanti fratelli, tramite la destinazione del 5xMille alla Caritas di Catania (Codice Fiscale: 93133710876) e dell'8xMille alla Chiesa Cattolica.

SERVIZIO PER LA PROMOZIONE DEL SOSTEGNO ECONOMICO ALLA CHIESA

Arcidiocesi di Catania

SERVIZIO PER LA PROMOZIONE
DEL SOSTEGNO ECONOMICO ALLA CHIESA

Ai Rev.di Parroci
Loro Sedi

Ai Referenti Parrocchiali
per il Servizio Promozione
del Sostegno Economico alla Chiesa
Loro Sedi

Catania, 9 Aprile 2018

Carissimo nel Signore,
la Giornata Nazionale di sensibilizzazione dell’8xmille alla Chiesa cattolica invita tutti i
fedeli a fare un passo significativo nella partecipazione al sostegno economico della Chiesa, per
questo mi permetto di ricordare che tutta la Chiesa italiana si unirà idealmente a celebrare tale
giornata Domenica 6 Maggio 2018. In questi giorni, la Conferenza Episcopale, ha fatto pervenire a
tutte le Comunità parrocchiali, compresa la tua, il materiale per animare la Giornata Nazionale. Per
il ruolo di formatore della tua Comunità, chiedo a te e ai tuoi collaboratori di parlare domenica 6
Maggio, durante la Giornata nazionale, e nelle settimane successive del perché donare ai sacerdoti;
solo attraverso le tue parole ciascuno potrà prendere coscienza della reale importanza che la propria
donazione riveste.

In preparazione alla Giornata nazionale abbiamo organizzato per SABATO 21 APRILE
2018 una Giornata diocesana di studio e riflessione con i Parroci e con i Referenti parrocchiali
del Sovvenire, con il seguente tema: «8xmille prospettive future nella Chiesa», che si terrà nel
Salone Sant’Agata del Seminario Arcivescovile di Catania; la Giornata diocesana avrà inizio alle
ore 9,30 e si concluderà con il pranzo alle ore 14,30 circa. Sarà presente a tutta l’intera Giornata
diocesana l’Arcivescovo, S.E. Mons. Salvatore GRISTINA.

Dato che molti Referenti parrocchiali periodicamente cambiano per diverse ragioni, invio in
allegato una Scheda da riempire in ogni sua parte e da restituire il giorno della Giornata, per
aggiornare la rete degli stessi. Si prega di dare al più presto la conferma della propria presenza
al 333 3297006, entro il 16 Aprile 2018.

Ringraziandoti per l’attenzione dedicatami, Ti esprimo fin d’ora la mia gratitudine per
quanto farai, e porgo un cordiale saluto invocando ogni benedizione del Signore.

Sac. Roberto Rosario CATALANO
Incaricato diocesano

Centro regionale per la formazione permanente del Clero “Madre del Buon Pastore” - Percorsi formativi per i ministri ordinati delle Chiese di Sicilia

CONFERENZA EPISCOPALE SICILIANA

Centro regionale per la formazione permanente del Clero “Madre del Buon Pastore” - Percorsi formativi per i ministri ordinati delle Chiese di Sicilia

 

I vescovi di Sicilia, su proposta della Commissione Presbiterale Siciliana, oltre venti anni fa, hanno pensato a un Centro regionale che potesse raccordare e supportare le diverse iniziative formative per i diaconi e i presbiteri
della nostra isola.

Indicazioni per la celebrazione della Messa Crismale

Arcidiocesi di Catania

Il prossimo 29 Marzo, Giovedì Santo, S. E. l’Arcivescovo presiederà la solenne concelebrazione della Santa Messa del Crisma nella nostra Cattedrale.
Per tale occasione diamo alcune indicazioni:

1. Luogo di riunione
 I presbiteri concelebranti, i diaconi, gli alunni del Seminario e gli alunni della scuola per i ministeri e il diaconato permanente si troveranno già pronti in Arcivescovado alle ore 9,00.
 In Arcivescovado ciascuno consegnerà agli incaricati la busta con l’offerta personale per la carità a favore della caritas diocesana.

2. Vesti Sacre
 I presbiteri e i diaconi, già provvisti di camice e stola bianca, troveranno le casule e le dalmatiche presso il luogo di riunione.
 I presbiteri più anziani o in difficoltà motorie potranno indossare la casula nella sacrestia della Cattedrale.
 I presbiteri e i diaconi, dopo la concelebrazione abbiano cura di lasciare le vesti sacre, così come trovate, nel salone dei vescovi.

3. Santa Messa del Crisma
 La concelebrazione della Santa Messa del Crisma avrà inizio, alle ore 9,15, con la processione introitale verso la Basilica Cattedrale con il seguente ordine: turiferario e navicolario, crocifero con i ministranti che recano le candele, alunni della scuola per i ministeri e il diaconato permanente, seminaristi con alba, seminaristi con talare e cotta, diacono con evangeliario, diaconi, parroci del XII vicariato, altri sacerdoti concelebranti, vicari foranei, vicari episcopali, canonici della Cattedrale, Padri Abati, Ecc.mo Arcivescovo con due diaconi assistenti, cerimoniere, ministranti alla mitria e al pastorale.
 In Cattedrale si occuperanno i posti indicati dai cerimonieri: i vicari episcopali e foranei, i canonici della Cattedrale, i parroci del XII vicariato nel coro capitolare sul presbiterio; gli altri presbiteri concelebranti tra i posti riservati dinanzi alla cappella di S. Agata e quelli riservati sulla navata
centrale; i diaconi, i seminaristi e i corsisti del S. Euplo, nella cappella del SS. Sacramento.
 Dopo l’omelia avrà luogo la rinnovazione delle promesse sacerdotali; quindi l’Arcivescovo benedirà l’Olio degli infermi, l’Olio dei catecumeni e consacrerà il Crisma.
 Alla comunione:
 I diaconi, ricevuta la comunione dall’Arcivescovo si recheranno per la comunione ai presbiteri (nella cappella di S. Agata e nella navata centrale) e ai fedeli.
 I vicari episcopali e foranei, i canonici della Cattedrale e i parroci del XII vicariato si comunicheranno direttamente all’altare.
 I seminaristi ed i corsisti riceveranno la comunione dall’Arcivescovo.

4. Conclusione
 L’Arcivescovo, a conclusione della celebrazione, consegnerà i Santi Olei ai parroci del XII vicariato che hanno, in quest’anno, celebrato la visita pastorale. Ricevuti gli Olei, i parroci torneranno al loro posto sino alla benedizione conclusiva. Al congedo, secondo le indicazioni dei cerimonieri, si ritorna con lo stesso ordine di processione iniziale in Arcivescovado.

5. Consegna dei Santi Olei alle Parrocchie
 Nella sacrestia saranno consegnati gli Olei ai presbiteri.
 Nella cappella del Crocifisso, invece, saranno consegnati gli Olei ai delegati delle parrocchie.
 I delegati potranno ritirare gli Olei soltanto esibendo la delega del proprio parroco su carta intestata recante data, timbro e firma (per evitare che estranei facciano illecite richieste).
 Per accelerare il servizio di consegna si invitano i parroci a recare le ampolle già svuotate e pulite degli Olei dello scorso anno.

Catania, 19 marzo 2018

Dalla Basilica Cattedrale
Don Barbaro Scionti
Don Giuseppe Maieli
Don Pasquale Munzone

Pagine

Subscribe to RSS - Articolo in prima